Serenamente e Senza ritegno

Entra ‘sta siora che è più noiosa di un film che racconta le vicende di vita di un esistenzialista polacco in coma e mi chiede una manopola di spugna e delle mutande.

Mentre le faccio vedere la merce mi dice serenamente e senza ritegno alcuno che è andata a comprare delle canottiere nella  merceria Xyz, non lontana da qui, e che alla titolare ha detto che se non le faceva lo sconto sarebbe venuta da me (io fossi stato la titolare dell’altra merceria le avrei augurato buon viaggio… ma io ho la fortuna di non avere fame…)

Finito di mostrarle la merce mi fa: fammi bene!!! …messo giù quasi fosse un obbligo.

Le ho risposto: io penso che se le mutande le va a comprare nella merceria Xyz le fa bene di sicuro, forse farebbe meglio ad andare lì.

Ha comprato e pagato fino all’ultimo centesimo e fanculo, serenamente.



2 Commenti a “Serenamente e Senza ritegno”

Lascia un Commento