In un caldo pomerggio d’Estate

Vorrei entrare dentro di te e rimanere lì, abbracciati, distesi su un fianco, tutto il pomeriggio, sulle lenzuola stropicciate, senza fare niente.

Mentre un ventilatore a soffitto smuove appena l’aria fresca della penombra e mi inebrio dell’irresistibile profumo della tua pelle.



Lascia un Commento