Sara Simeoni

Sara SimeoniSara Simeoni è uno dei miei miti di bambino, quando nel 1978 conquistò il record mondiale di salto in alto io entravo in prima media e con questa le prime ore scolastiche di educazione fisica.

Il professore propose, a chi lo volesse, di provare ad andare a fare atletica leggera, naturalmente io andai e affascinato dalla disciplina, scelsi il salto in alto. Il fisico poi era quello giusto. La pista era ancora quella in terra battuta alle Stiore. Mi ricordo ancora il nome dell’istruttore, Fulvio Maleville, uno bravo sia tecnicamente che umanamente.

All’epoca le tecniche erano ancora due Ventrale e Fosbury, andavo bene in entrambe ma la Fosbury era tecnicamente ed esteticamente più bella.

Saltavo tanto in alto, talmente tanto che una volta a scuola non calcolando che rispetto ai miei compagni padroneggiavo la tecnica sono volato fuori dai materassi atterrando di schiena sul pavimento, mi ci è voluta una grossa mano da parte del prof per tornare a respirare dopo due minuti buoni di apnea.

Vinsi i comunali ai giochi della gioventù e andai ai provinciali…

…poi per far piacere a mio papà sono andato a giocare a calcio, dove ero uno scarsone col botto.



Lascia un Commento