L’ho abbattuta

Appena arrivo l’avvoltoio/gatto esce dalla sua tana e attacca: mangiamo un gelatino?

io: no, è troppo presto, devo ancora digerire le paste della prima comunione
lei: dai, mangiamo un gelatino e poi ci mettiamo a lavorare
io: io mi metto a lavorare, tu riempi facebook di puttanate
lei: dai
io: te go ditto de no!
lei con tono supplichevole: non mi fai compagnia?

L’ho abbattuta, non sopportavo più di vederla vivere nella consapevolezza di una esistenza inutile…

…e poi non sopporto la gente che supplica



4 Commenti a “L’ho abbattuta”

Lascia un Commento