Amore clandestino…

Un amore clandestino, rubato, pomeridiano, mentre fuori infuriava la tempesta e la pioggia ticchettava forte sul telo della pergola al piano terra.

Un vento fresco faceva volare le tende e accerezzava i nostri corpi portandoci sollievo dalle ultime calure estive e dal fuoco della passione che ci bruciava dentro.

Due corpi fusi, avvolti in uno stretto abbraccio amoroso fatto vibrare dal rombo dei poderosi tuoni che squarciavano il cielo in un’esplosione di piacere lussurioso. Terminato il quale…

…l’ho sgonfiata, ripiegata e accuratamente riposta nella sua confezione…



2 Commenti a “Amore clandestino…”

Lascia un Commento