Guardare oltre le capacità residue

Come ho più volte ribadito su queste colonne, non c’è niente che – persone disabili e non – non si possa fare se ci si dota degli strumenti giusti.

Rimango fermamente convinto che non dovremmo guardare alle capacità residue di una persona ma alle sue potenzialità inespresse, potenzialità che adeguati strumenti possono liberare.

Il cric per esempio è sempre una buona soluzione per produrre considerevoli danni alle rotule di un interlocutore inopportuno.



Un Commento a “Guardare oltre le capacità residue”

  • corr:

    non sono così convinto…il cric pur possedendo la massa giusta non ha un impugnatura comoda che permetta di vibrar il colpo con la giusta forza, perchè deve essere afferrato con forza, quindi si contrae tutto l’avambraccio, perdendo in questo modo la fluidità necessaria per sbriciolare con precisione una rotula.Meglio, secondo me, la tradizionale mazzetta da 2 kg

Lascia un Commento