Discriminazioni sportive

Oggi passa a poche centinaia di metri da qua il Giro d’Italia. Questo significa strade chiuse, difficoltà a spostarsi, mezza giornata di lavoro praticamente persa.

Non ho mai capito perchè per i ciclisti, che sia Giro d’Italia o pedalata della parrocchia si debba bloccare tutto.

Io per praticare il mio sport non ho mai rotto le balle a nessuno, mi predispongono un campo di regata in mezzo al mare e lì io giro intorno a delle boe.

Ora, non capisco questo genere di discriminazioni, mi chiedo perchè per i ciclisti non fanno come per me: perchè non gli predispongono un percorso e li buttano lì, in mezzo al mare?!?!



2 Commenti a “Discriminazioni sportive”

Lascia un Commento