I rapporti a modo mio

La mia filosofia di massima è: Ho 44 anni, ti posso anche volere del bene e avere piacere di passare del tempo con te… Ma a patto che non mi caghi il cazzo.

Perchè se ho vissuto fino a (diciamo 40 o più) senza te penso di poter trascorrere serenamente senza te anche il resto della vita.

La parte bella di tutto ciò è la consapevolezza di potersi “staccare” dalle persone senza sentire la loro mancanza.

Paradossalmente, si vivono i rapporti con maggiore serenità e leggerezza.

Secondo me.



5 Commenti a “I rapporti a modo mio”

  • my way:

    Ma invece secondo me non è proprio così…
    E’ questione di carattere.
    Cioè non è che io decida a priori di non legarmi troppo, è che il mio carattere mi permette di resettare le persone che mi hanno deluso o che non amo più o che non rappresentano più quello che rappresentavano prima.
    Se un amore finisce, può rimanere amicizia, se entrambe le persone resettano quello che c’è stato prima e intelligentemente trasformano la cosa in ALTRO.
    Purtroppo quasi nessuno ci riesce.
    Però bisogna dare il massimo sempre, mai trattenere i sentimenti.
    o no?

    • merciaioblog:

      GIAO my way AMORE! 😀

      Io non ho detto che i rapporti non si possono trasformare in rapporti diversi, ho solo detto che se la gente mi smeriglia le balle non ci metto niente ad asfaltarla 🙂

      E non parlo necessariamente di amore ma anche di amicizie. Possono finire anche quelle.

  • Stefi:

    Mai lasciarsi smerigliare, d’accordo. If you love somebody set them free, come diceva Sting (probabilmente è quello che si sente dire da sua moglie dopo ore e ore e ore di sesso tantrico). Un sereno distacco va bene, però ci sono amici – uno, forse due – con i quali il distacco è uno strappo doloroso, una ferita difficile da rimarginare. Quindi tendo a non asfaltare.
    Stefi

  • martag:

    a distanza di un anno esatto hai detto le stesse identiche medesime cose a me.
    non un giorno di più, non uno di meno.
    mammacari!

Lascia un Commento