Lo stupore dipinto sul suo volto

Stamattina come al solito entro dal fornaio e, come spesso accade, c’è il lumacone che “ce sta a provà” con la commessa. Il lumacone lo riconosci dalla notevole differenza di età con la lumacata, dal sorriso profondamente ebete stampato in volto e dal parlarsi addosso raccontando cose di cui alla lumacata prossima al coma da noia non frega una cippa.

Come entro io la commessa si ridesta prontamente (non perché ero io ma perché gli obblighi verso un altro cliente le avrebberero consentito di smarcarsi dal lumacone), annulla completamente l’esistenza dell’altro da questo mondo che per lei di colpo diventa trasparente e dopo aver sfoderato un sorriso da orecchio a orecchio mi butta lì un…

Sergio sono senza mutande!!!

Lo stupore stupito si dipinge immediatamente sul viso dello stupido, che dopo un secondo di pausa saluta e se ne esce dal negozio.

Allora io: Le solite per tuo marito, boxer di tela ottava misura, sei paia?



Un Commento a “Lo stupore dipinto sul suo volto”

Lascia un Commento