I conti della serva

Io a volte che conti fanno le persone non lo capisco mica.

Una cliente: comprare una coppia di cuscini a 7 euro no perché del secondo non saprebbe cosa farsene… ma spendere 15 euro di tessuto per confezionarsi un solo unico cuscino allora sì.

Preciso che mi ha chiaramente detto che se le avessi venduto un cuscino a 3.50 lo avrebbe comprato. Quindi non si può neanche dire che non li abbia presi perché non incontranvano il suo gusto.



Un Commento a “I conti della serva”

  • Abbracciala e baciala. La capisco bene perché ha una logica poco italiana ma ferrea: il problema non è il valore del denaro ma della produttività. È l’idea che qualcosa di compiuto, di funzionale, di bello non venga sfruttato. Lo spreco insomma è il cuscino creato per niente, non i sette euro in più.
    (Un po’ come quando un velista passa davanti alla sua barca che è sempre ferma in porto.) 🙂

Lascia un Commento