Archivi per la categoria ‘Misantropia’

I rapporti a modo mio

La mia filosofia di massima è: Ho 44 anni, ti posso anche volere del bene e avere piacere di passare del tempo con te… Ma a patto che non mi caghi il cazzo.

Perchè se ho vissuto fino a (diciamo 40 o più) senza te penso di poter trascorrere serenamente senza te anche il resto della vita.

La parte bella di tutto ciò è la consapevolezza di potersi “staccare” dalle persone senza sentire la loro mancanza.

Paradossalmente, si vivono i rapporti con maggiore serenità e leggerezza.

Secondo me.

Idiosincrasie, la gente che batte sul vetro con la monetina

La gente che col negozio chiuso e la saracinesca abbassata fino a terra batte con la monetina sul vetro… TIC TIC TIC… TIC TIC TIC… TIC TIC TIC…

dieci volte su dieci vogliono un biglietto del bus

Quello che mi fa salire prepotente la carogna non è tanto il fatto che vengano a chiedermi un biglietto a negozio chiuso, mi innervosisce perchè penso che potrebbero anche organizzarsi prima e prendere un biglietto in più invece di prenderne sempre uno (sono sempre le stesse persone), ma questo non tantissimo.

Quello che mi manda ai pazzi è il TIC TIC TIC… TIC TIC TIC… TIC TIC TIC…

Che poi, se la porta è chiusa e la saracinesca abbassata ci sarà pure un perchè no?!?!

Tutti bravi a fare i bottegari coi soldi degli altri

Ci sono clienti che non sanno resistere all’impulso irrefrenabile di insegnarti, spesso non senza una certa arroganza, come dovresti gestire la tua bottega: dovresti tenere questo, dovresti comprare quello perchè va come il pane, dovresti fare la vetrina così, dovresti mettere in mostra colà.

Poi capita che aprano negozio loro, che la loro avventura duri giusto un paio di stagioni…

…e che come d’incanto la loro arroganza sparisca.

La caduta del governo

Mi piacerebbe sapere quanti tra quei tanti che oggi stappano lo champagne sui social network ci credono davvero e quanti lo fanno solo per seguire la corrente, per catturare un momento di consenso e di visibità, il proprio misero triste minuto di gloria.

Mi piacerebbe sapere quanti di questi sono davvero informati, consapevoli.

Angelo del focolare

Voleva essere l’angelo del focolare…

 

…l’ho buttata nel caminetto

Bicchiere mezzo vuoto

Il gatto attaccato ai maroni: Non sei contento che ora al pomeriggio non ci sono più?

io: non ci fossi anche alla mattina lo sarei anche di più

ed è strano che io risponda così perchè nella vita sono uno tendenzialmente ottimista, uno che il bicchiere lo vede mezzo pieno.

I Am What I Am

Uno sfigato con un avatar figo e un nick esotico resta uno sfigato…

…tanto vale metterci nome e faccia, altrimenti uscire dal virtuale per passare al reale diventa un casìno.

A meno che uno non trovi la propria realizzazione personale solo nella pochezza della visibilità ottenuta nel virtuale. A quel punto siamo molto oltre lo sfigato.

Ho finito la scorta di pazienza

Ho terminato la scorta di pazienza nei confronti di quelle siore, il più delle volte cecate, che non avendo niente da fare nella vita decidono di farlo qui da me cercando un filo che sia uguale uguale uguale al campione di tessuto che hanno con se.

Il problema non è tanto il fatto che vadano via senza comprare, quello ci sta, è nell’ordine naturale delle cose, il problema è quanto mi tirano matto prima di decidere che nessuno dei 2000 colori che ho va loro bene.

La foto serve a far capire quale sia l’assortimento di filo che ho… e non è neanche tutto.

Stare Leggeri…

  • Odio che mi si faccia pressione
  • Odio che si faccia leva sui miei sensi di colpa
  • Odio che mi si rinfaccino le mie stesse parole
  • Odio che mi si rivoltino contro le mie stesse parole
  • Odio non poter scrivere quello che voglio perchè so che prima o poi mi verrà rinfacciato o rivoltato contro
  • Odio non poter scrivere qualcosa per la paura di ferire qualcuno
  • Odio dover di No! perchè per farlo devo farmi violenza
  • Odio che si scarichino su di me proprie frustrazioni
  • Odio che mi si giudichi e mi si etichetti collocandomi in uno standard

Non riesco a dimenticare, il reset della memoria non è previsto nel mio sofware. Sono definitivo, una sola di queste cose e non sarà mai più come prima, una strada senza ritorno.

Se vengo offeso reagisco male perché ho un carattere di merda e non riesco a lasciar correre. Sullo stomaco posso avere l’equivalente in pelo dei capelli di Michael Jackson quando era nei Jackson Five, posso diventare di una cattiveria e un cinismo devastanti.

Se si vuole avere con me un rapporto sano e costruttivo le parola d’ordine è “stare leggeri” altrimenti Ciao

Il mio amore più grande

Lei è la più bella di tutte, mi sostiene quando ne ho bisogno, mi rassicura, mi fa essere orgoglioso di lei, mi impedisce di fare cazzate quando sto vivendo dei brutti momenti, fa il possibile per impedirmi di rendermi ridicolo e mi fa andare per il mondo a testa alta.

Mi sta sempre vicino e mi consiglia sempre per il meglio, mi spinge a prendermi cura di me stesso e di presentarmi sempre al meglio, nessuno può toccarmela senza scatenare la mia ira.

Non ho amore più grande di lei: la mia dignità.