Articoli marcati con tag ‘citazioni’

Non abbiam bisogno di parole

Voglio restar con te, baciare le tue mani e dirti che
in questo tempo dove tutto passa, dove tutto cambia
noi siamo ancora qua
e non abbiam bisogno di parole
per spiegare quello che è nascosto in fondo al nostro cuore

Ron – Non abbiam bisogno di parole

Non importa cosa trovi alla fine di una corsa

Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è che lungo il percorso ci siano dei posti dove bere dei buoni spritz. Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire da sobrio.

(parafrasando Jesse Owens)

(la citazione giusta sarebbe: Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre stai correndo. Il miracolo non è essere giunto al traguardo, ma aver avuto il coraggio di partire.)

Senza pietà

Senza pietà, senza compassione e senza rimorso. Solo così si vince la guerra.

(Band of brothers)

Le masse popolari

Le masse popolari sono incoerenti, piene di riottosi desideri, passionali e imprevidenti delle conseguenze; devono essere riempite di paura per tenerle a bada. Per questo gli antichi ben fecero ad inventare gli dei e l’idea della punizione dopo la morte.

(Polibio)

Via | placidiappunti

Prima di diagnosticarti una depressione o bassa autostima…

Before you diagnose yourself with depression or low self esteem, first make sure you are not, in fact, simply surrounded by assholes.

Prima di diagnosticarti una depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi.

frase che mi par di capire attribuita allo scrittore William Gibson

Helen Rowland

When a girl marries, she exchanges the attentions of many men for the inattention of one.

(Quando una ragazza si sposa, scambia le attenzioni di molti uomini per la disattenzione di uno solo)

Helen Rowland

Pietà compassione e perdono…

Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano… non la razionalità.

Black Mamba – Kill Bill Vol. I

Io so io, e vvoi…

362. Li soprani der Monno vecchio

C’era una vorta un Re cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli st’editto:
«Io sò io, e vvoi nun zete un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve a ttutti a un tant’er mazzo:
Io, si vve fo impiccà nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o dd’Imperatore,
quello nun pò avé mmai vosce in capitolo».

Co st’editto annò er Boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: «È vvero, è vvero».

21 gennaio 1832 – De Pepp’er tosto

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli (1791 – 1863), poeta italiano.

Via | www.intratext.com

Ma com’è che succede il grande amore?

Ma com’è che succede il grande amore? Nessuno lo sa. L’unica cosa che vi posso dire è che succede in un batter d’occhio. Voi siete lì, che vi godete la vita, e un momento dopo vi ritrovate a chiedervi come avete fatto a sopravvivere senza di loro.

Il numero di respiri che fate in vita vostra è irrilevante, quello che conta sono i momenti che il respiro ve lo tolgono.

Hitch – Lui sì che capisce le donne

Tony Montana

Io tutto quello che ho a questo mondo sono le palle e la mia parola… e le ho sempre onorate tutte e due.

Scarface